La sostenibilità: una questione di mindset

05/10/2023 | 250

grafica-quadrifor_la-sostenibilita-_-una-questione-di-mindset-03.jpg

di Mauro Montante, Business Partner ISMO

La guerra in Ucraina, che sta sconvolgendo le nostre coscienze davanti ad una crisi umanitaria incredibile e così vicina a noi, ha indubbiamente anche ragioni economiche legate ai “tesori del nuovo millennio”: gas, minerali, “terre rare” che hanno assunto oggi un’importanza strategica sia per l’Industria che per i Paesi.
Purtroppo, tutto ciò inizia ad impattare sulla nostra economia (il caro benzina né è un esempio) e ci dimostra ancora una volta come la sostenibilità sia un elemento fondamentale non solo per il bene complessivo del pianeta, ma anche per l’autonomia energetica del Paese, o se volessimo, solo come un fine individualistico di benessere.
Per comprendere veramente oggi il concetto di sostenibilità è fondamentale ricorrere alla definizione di sviluppo sostenibile, che rappresenta un goal globale, dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite (2015):
“Soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere quelli della generazione futura”

A partire da questo, risulta fondamentale comprendere due questioni. 
La prima riguarda l’allargamento del concetto di sostenibilità: la nostra storia (iniziata negli anni Settanta) ci ha abituati ad associare il termine “sostenibilità” solo ad aspetti ambientali e naturali. Il concetto di “sostenibilità” in questi anni è mutato, si è profondamente ampliato ed ha assunto oggi centralità non solo nei propositi istituzionali e governativi di tanti Paesi al mondo, ma anche nei programmi economici e di sviluppo di tutte le aziende. Sin dal 2015, infatti, si è compreso come questo concetto non riguardava solo l’Ambiente (che rimane uno dei driver principali) ma è stato allargato anche alla sostenibilità economica e sociale, per nuovo modello di società.
La seconda questione, vuole rispondere ad una domanda molto semplice: chi deve occuparsi di sostenibilità?
Fino a qualche anno fa la risposta sarebbe stata “le Istituzioni, i Governi e alcune grandi imprese”. Oggi, questa risposta è mutata e si è compreso come il tema della sostenibilità riguarda tutti: ognuno può fare la differenza, come cittadino, imprenditore, lavoratore o consumatore finale.
E’ innegabile la crescita di attenzione e sensibilità sui temi della sostenibilità, come anche lo sviluppo di opportunità economiche: oggi la sostenibilità è ormai vista come un elemento strategico in grado di innescare nuove dinamiche competitive di Paesi e industrie.
Ma la vera grande sfida rimane il salto culturale 
che le persone devono fare per far sì che i temi della sostenibilità diventino un’attenzione continua e diffusa, aiutare cioè la collettività ad avere un “mindset” aperto ed orientato alla sostenibilità (riciclo, risparmio e riuso, prima che consumo), renderla “normalità” nel quotidiano come imprenditori, lavoratori e cittadini. La strada è lunga ma oggi possiamo affermare senza dubbio che il percorso è stato intrapreso e che le risorse non mancano: dipende unicamente da noi!
 


 Leggi il Magazine

Ti potrebbe interessare anche:
- Verso una società sostenibile: scenari, approcci e metodi per l’Azienda